Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
mar, 17 gen  2017 
time
01:47
 
Roma - Come ogni anno il Tribunale Arbitrale dell'Immobiliare e del Condominio divulga e commenta i dati sulla Giustizia Civile. Stando ai dati forniti di recente dal Governo Renzi, in occasione dei 1.000 giorni di attività, sembrerebbe vi sia un netto calo delle cause pendenti, ma non è proprio così.
 
Roma - Non più di 250 euro per famiglia, pari a circa il 10% del reddito mensile disponibile. Questa è la somma destinata, in media, all’acquisto di capi a saldo, secondo le previsioni dell’Adoc. Spesa in leggera crescita rispetto allo scorso anno, anche se sempre contenuta. “La spesa delle famiglie per i saldi non supererà i 250 euro, secondo le nostre previsioni – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – purtroppo la combinazione tra redditi bassi e spese primarie e irrinunciabili elevate, come quelle sostenute per alimentazione, casa, trasporti e tasse, non permette alle famiglie italiane di destinare grosse cifre alle spese extra come i saldi. 
 
Roma - Sono scattati il 1° gennaio gli aumenti, in media dello 0,7% ma con picchi fino al 7,8% come nel caso della Bre.Be.Mi, sulla rete autostradale italiana. Per Adoc va rivisto il meccanismo, ad oggi molto opaco, previsto dalla Legge 101/2008 sull’adeguamento delle tariffe dei pedaggi autostradali. “Da due anni, a causa della deflazione, tutte le pensioni, anche quelle più basse, non subiscono rivalutazioni, ma i pedaggi autostradali, col bello o col cattivo tempo ogni primo dell’anno vengono ritoccati verso l’alto, alcune tratte anche in modo sensibile. 
 
Roma - La metà degli italiani (49,8%) si dichiara ottimista sull’andamento del proprio Paese nel corso del nuovo anno mentre l’altra metà è invece decisamente più prudente. E’ quanto afferma la Coldiretti, sulla base dei dati Deloitte sulle previsioni di fine anno, che evidenzia che tra i cittadini europei piu’ positivi sul futuro ci sono i danesi (80.7%), gli spagnoli (70,1%) e i tedeschi (61,4%).