Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
lun, 25 set  2017 
time
10:04
NEWS PPN  
Eco - Lavoro e professioni, ecco l’impatto della quarta rivoluzione industriale 2)
Roma, 14 set (Prima Pagina News) Aumentano, infatti, di circa 23 mila unità di lavoro gli analisti e progettisti di software (spesso esterni all’impresa o alle dipendenze dell’azienda fornitrice), seguiti dai tecnici programmatori (+14 mila unità di lavoro), esperti in applicazioni (+13,8 mila unità), attrezzisti di macchine utensili impiegati nel settore manifatturiero (+9 mila unità), progettisti e amministratori di sistemi (+6,7 mila unità), ricercatori e tecnici laureati in scienze matematiche e dell'informazione, fisiche, chimiche e della terra (+6,5 mila), operai addetti a macchine confezionatrici di prodotti industriali (+3 mila unità) e all’ultimo posto i manutentori e riparatori di apparati elettronici industriali (+1,9 unità). Il rapporto sarà accompagnato da un sistema di navigazione web che permetterà di analizzare i profili vincenti e perdenti a livello regionale. Si scopre ad esempio che quasi la metà (10 mila su 23 mila) degli analisti e progettisti software sono richiesti in Lombardia, mentre nel Lazio si concentra la maggiore domanda di progettisti e amministratori di sistemi (2 mila cinquecento su circa 7 mila). “Anche se il tessuto economico del nostro Paese è costituito principalmente da piccole e medie imprese che investono in ricerca e innovazione solo lo 0,70% del PIL - ha commentato il Presidente della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca - è necessario mettere in atto un adeguato piano nazionale di investimenti tecnologici per rendere le nostre aziende più competitive in termini di produttività ed efficienza”. La resilienza e la ripresa del lavoro nel nuovo assetto dei mercati globali richiedono, inoltre, competenze trasversali e formazione continua. Per i Consulenti del Lavoro, dunque, l’investimento in capitale umano è il migliore antidoto alla disoccupazione tecnologica. Le soluzioni per rimettere in moto la crescita dell’Italia saranno discusse nei numerosi momenti di confronto ed approfondimento che animeranno il Festival del Lavoro di Torino.

(PPN) 14 set 2017  13:17