Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
mar, 21 nov  2017 
time
12:52
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Calabria - Giovanni Tocci,“Cosenza è fiera di questo grande campione”
Roma, 17 lug (Prima Pagina News) «Esprimo la gioia più sentita per l’exploit di Giovanni Tocci, medaglia di bronzo ai Mondiali di tuffi, dal trampolino di un metro». Lo dichiara il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto dichiarando la sua immensa soddisfazione per il risultato ottenuto a Budapest dal giovane atleta cosentino “primo degli ‘umani’ alle spalle dei cinesi”:«Siamo orgogliosi – dice Mario Occhiuto – che un nostro concittadino regali tanto lustro a Cosenza attraverso un talento coltivato grazie all’impegno costante.

 Ci auguriamo che Giovanni prosegua il suo brillante percorso di crescita arrivando al prossimo obiettivo delle Olimpiadi del 2020. Intanto – conclude il sindaco – lo aspettiamo a palazzo dei Bruzi per celebrarne quest’ultimo importante successo» 23 anni ancora da compiere Giovanni Tocci, do origini cosentine, tesserato per l'Esercito e Cosenza Nuoto ed allenato da Lyubov Barsukova – è dietro soltanto a due campioni cinesi. Peng Jianfeng , medaglia d'oro con 448,40 e He Chao, medaglia d'argento con 447,20. Già argento da 1 metro agli Europei di Londra, quinto e sesto ai recenti Europei di Kiev, sesto pure ai Giochi di Rio 2016 nel sincro con Andrea Chiarabini, “Tocci- assicurano gliesperti del settore- è ormai il leader del futuro del gruppo azzurro”.

 Allenato alla scuola ucraina di Lyubov Barsukova, “Giovanni- riferiscono le cronache sportive- è un talento costruito anche per il trampolino olimpico, e quindi questo primo step iridato non può che essere considerato come il punto di una carriera ancora tutta da valtare e valorizzare. Intanto la prima risposta sul Tocci di oggi. Un Tocci che vale. Un Tocci di bronzo”.

 «Non ci credo”, esordisce Giovanni Tocci dopo avere incassato la medaglia di bronzo nel trampolino da 1 metro ai Mondiali di tuffi di Budapest:” All'ultimo giro non ho pensato molto al podio quanto al tuffo. Lo sentivo abbastanza sicuro, ma dovevo farlo bene per conquistare la medaglia. Ci sono riuscito e sono contento». Poi aggiunge:«La considero una medaglia d'oro vinta in un contesto perfetto, all'interno di una squadra unita, insieme ai compagni che mi aiutano ad affrontare le gare in maniera corretta - ha analizzato il cosentino -.


 Dopo i preliminari ero contento di aver centrato la finale ed essere tra i migliori 12 al mondo, ma nei due giorni che mi separavano dalla finale ho pensato tanto al risultato». Ma le sorprese non finiscono qui: «Ho scritto a Tania Cagnotto – racconta ai cronisti Giovanni Tocci - per chiederle se anche a lei passavano tutte queste cose per la testa nell'attesa della finale. Mi aveva già dato dei consigli a Bolzano, mi ha aiutato molto anche in questi giorni. Pensavo di poter ottenere un buon risultato, ma il terzo posto va oltre le aspettative.

La gara è stata molto bella; superato il terzo tuffo che più mi preoccupava ho acquisito sicurezza e ho saltato con fiducia. I due nove presi nel doppio e mezzo rovesciato sono stati una spinta per crederci e alla fine sono riuscito a completare la prestazione con un ottimo doppio e mezzo ritornato». 

Luigi Aiello

(PPN) 17 lug 2017  22:32