Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
sab, 20 gen  2018 
time
10:09
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Cultura - “Manifesta”, Franceschini e Orlando lanciano la Biennale Europea di Arte Contemporanea
Roma, 29 nov (Prima Pagina News) Grandi emozioni a Roma, al Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dove il ministro Dario Franceschini, ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione della dodicesima edizione di Manifesta, la biennale nomade europea che si svolgerà a Palermo dal 16 giugno al 4 novembre 2018. Erano presenti alla manifestazione Hedwig Fijen, direttrice di Manifesta, Leoluca Orlando, sindaco di Palermo e Andrea Cusumano, Assessore alla Cultura del Comune di Palermo. Manifesta, la Biennale nomade europea- lo ricordiamo- nasce nei primi anni ’90 in risposta al cambiamento politico, economico e culturale avviatosi alla fine della guerra fredda e con le conseguenti iniziative volte a facilitare l’integrazione sociale in Europa. Sin dall’inizio, Manifesta- hanno spiegato al Ministro gli ospiti siciliani- si è costantemente evoluta in una piattaforma per il dialogo tra arte e società in Europa, invitando la comunità culturale e artistica a produrre nuove esperienze creative con il contesto in cui si svolge. Manifesta è un progetto culturale site-specific che reinterpreta i rapporti tra cultura e società attraverso un dialogo continuo con l’ambito sociale. Non a caso a Roma, nella Sala Spadolini del ministero insieme al sindaco Leoluca Orlando c’era anche lei, Hedwig Fijen, ma Manifesta è stata fondata ad Amsterdam proprio dalla famosa storica dell’arte olandese, che ancora oggi la guida. Ogni nuova edizione viene avviata e finanziata individualmente, ed è gestita da un team permanente di specialisti internazionali. Il team di Manifesta 12 lavora dai suoi uffici di Amsterdam e Palermo, ed un ufficio di prossima apertura a Marsiglia. Leoluca Orlando ha spiegato che, diretta da Hedwig Fijen e Peter Paul Kainrath, la squadra permanente è composta da Tatiana Tarragó, Paul Domela, Esther Regueira, Yana Klichuk, Asell Yusupova, Marieke van Hal and Mikaela Poltz, nonché dal direttore generale di Manifesta 12 Roberto Albergoni e dalla coordinatrice Francesca Verga. Nel prossimo decennio, Manifesta si concentrerà sulla propria evoluzione da autorevole biennale d’arte contemporanea a piattaforma europea interdisciplinare volta a esplorare e catalizzare un cambiamento sociale positivo in Europa attraverso la cultura contemporanea. Queste sono le città che hanno in precedenza ospitato la Rassegna Internazionale: Manifesta 1, Rotterdam (Olanda, 1996); Manifesta 2, Lussemburgo (Lussemburgo, 1998); Manifesta 3, Lubiana (Slovenia, 2000); Manifesta 4, Francoforte (Germania, 2002); Manifesta 5, Donostia-San Sebastián (Spagna, 2004); Manifesta 6, Nicosia (Cipro, 2006 – cancellata); Manifesta 7, Trentino-Alto Adige (Italia, 2008); Manifesta 8, Murcia - Cartagena (Spagna, 2010); Manifesta 9, Genk-Limburg (Belgio, 2012); Manifesta 10, San Pietroburgo (Russia, 2014); Manifesta 11, Zurigo (Svizzera, 2016). I mediatori creativi di Manifesta 12 sono invece: Ippolito Pestellini Laparelli, Italian architect and partner at OMA; Bregtje van der Haak, Dutch filmmaker and journalist; Andrés Jaque, Spanish architect, artist and scholar based in New York; Mirjam Varadinis, Swiss contemporary art curator Manifesta 12 Digital. Beatrice Nano

(PPN) 29 nov 2017  21:57